I luoghi del film "Non ci resta che piangere" - CaseVacanza.it base64Hash I luoghi del film "Non ci resta che piangere" - CaseVacanza.it

I luoghi del film "Non ci resta che piangere"

In qualsiasi momento
1 ospite
In qualsiasi momento
1 ospite

Chi siete? Cosa portate? Sì, ma quanti siete? Un fiorino!”. Basta una frase per evocare Non ci resta che piangere. Il film scritto, diretto e interpretato da Massimo Troisi e Roberto Benigni è diventato un cult assoluto del cinema italiano e si porta benissimo i suoi quasi 40 anni. Del resto, non potrebbe essere diversamente per una pellicola che racconta un viaggio nel tempo.

La sgangherata e poetica avventura di Mario e Saverio nel “1400, quasi 1500” inizia in Toscana e arriva fino in Spagna. Ma i luoghi utilizzati come set si trovano quasi tutti nel Lazio. E anche se è triste da accettare, Frittole non esiste. Il (mitico) paese dove finiscono i personaggi di Troisi e Benigni è stato allestito per intero a Cinecittà.

Ma il casello che blocca Mario e Saverio all’inizio del film, la locanda dove condividono la stanza con lo sfortunato Remigio, la famigerata dogana, il lago dove fa i suoi esperimenti Leonardo Da Vinci e la spiaggia di Palos sono reali. 

Esiste davvero anche il castello dove Astriaha porta i due amici nella versione estesa della pellicola. Quest’ultima è più lunga di 18 minuti rispetto all’originale ed è stata resa pubblica per la prima volta nel 2006 in una edizione home video del film.

Se siete fan di Non ci resta che piangere o siete curiosi di sapere di più di un classico del cinema italiano (e non solo), qui trovate le principali location della pellicola.


1. Capranica (Viterbo)

Tutto ha inizio a Capranica. L’eterno passaggio livello che spinge Mario e Saverio a imboccare una stradina secondaria e finisce con il catapultarli nel “1400, quasi 1500” si trova nei pressi della piccola stazione di Capranica Scalo.

Il borgo a un’ora da Roma ha probabilmente origine etrusca, ma le prime notizie certe di un insediamento risalgono all’inizio dell’anno Mille. Invece, la leggenda attribuisce la fondazione di Capranica ad alcuni “caprari”. A quanto pare, il primo nome del borgo sarebbe stato Capralica, da “Caprae ilex”, che significa “Leccio della capra”. Poi sarebbe diventato Capranica in onore di un capraro di nome Nica.

Quello che è certo è che il piccolo comune sorge su uno sperone di tufo alle propaggini dei Monti Cimini e custodisce un antico e caratteristico centro storico. A poca distanza, all’interno della omonima riserva naturale, si trova il Lago di Vico. Il grande bacino di origine vulcanica è balneabile ed è una gettonata meta per gite fuori porta e vacanze nella natura.

2- Lago di Bracciano (Roma)

Il grande albero sotto al quale si rifugiano Mario e Saverio per ripararsi dal temporale dopo che la loro auto rimane in panne si trova nelle campagne del Lago di Bracciano. Per l’esattezza, la maestosa pianta sorge a un incrocio vicino al paese di Castel Giuliano.

Il piccolo centro è famoso per il parco secolare che si trova all’interno di Palazzo Patrizi. La grande area verde presenta una vegetazione variegata e lussureggiante di alberi, arbusti fioristi ed erbe aromatiche. Ma il fiore all’occhiello è il roseto creato dalla marchesa Umberta Patrizi con centinaia di rose antiche.

Castel Giuliano è situato a una ventina di km dal Lago di Bracciano e dall’omonimo borgo che sorge sulle sue sponde. L’antico Castrum Brachiani è dominato dal Castello Orsini-Odescalchi, una imponente dimora di epoca rinascimentale. Il castello è aperto al pubblico e può essere affittato per matrimoni ed eventi. 

A Bracciano è stata girata anche la prima scena di Non ci resta che piangere. L’edificio che compare alle spalle di Saverio mentre cammina per raggiungere Mario è l’ospedale della città. 

3. Guidonia Montecelio (Roma)

Il popoloso comune di Guidonia Montecelio è un habitué del cinema italiano. E curiosamente per una location tutto sommato “anonima”. 

Come ha scoperto Il Davinotti (il celebre sito dedicato alla “settima arte”), la Locanda “Al Gatto Rosso” dove Mario e Saverio si fermano a dormire appena arrivati nel 1492 è un antico casale nella frazione di Colle Spinello. Lo stesso utilizzato come convento nel film Il vedovo con Alberto Sordi del 1959.

Guidonia Montecelio è una grande area urbana alle porte di Roma. Il nucleo originario è l’abitato di Montecelio (all’inizio Monticelli), che nel 1937 è stato accorpato alla città di Guidonia, costruita in meno di due anni intorno al nuovo aeroporto Alfredo Barbieri. Il nome del neonato insediamento è un omaggio al generale del Genio aeronautico Alessandro Guidoni, morto tragicamente mentre testava un nuovo modello di paracadute.

Nei pressi dell’esteso centro abitato si trova il Parco naturale regionale dell’Inviolata. L’area protetta presenta una grande ricchezza naturalistica e un ricco patrimonio archeologico di epoca romana, medievale e moderna.

4. Castello di Rota (Roma)

Non ci resta che piangere è una miniera di scene e battute cult, ma la sequenza di Mario e Saverio alla dogana è senza dubbio la più celebre. La litania “Chi siete? Cosa portate? Sì, ma quanti siete? Un fiorino!” ripetuta in loop dal doganiere è entrata a fare parte della cultura pop ed è un vero e proprio classico delle citazioni cinematografiche.

L’epica scena è stata girata al Castello di Rota e a quanto pare ha dovuto essere ripetuta più volte perché Massimo Troisi e Roberto Benigni non riuscivano a restare seri (contagiando con la loro ilarità tutta la troupe).

Il Castello di Rota è una frazione del comune di Tolfa e deve il suo nome all’antica funzione di rocca difensiva. Il borgo si è sviluppato con la fortezza, la cui parte più antica è la torre del XIII secolo, mentre il palazzo signorile è stato edificato tra il XV e il XVI secolo e poi ampliato e rimaneggiato.

L’arco sotto al quale passano Mario e Saverio corrisponde al vecchio ingresso del paese e insieme al resto del borgo compare in numerose altre produzioni per il cinema e la televisione. Il Castello di Rota è stato il set (anche) del film Il sorpasso di Dino Risi e delle serie TV Elisa di Rivombrosa e I Medici.

5. Lago del Pellicone (Viterbo)

Nella loro sgangherata avventura nel 1492 Mario e Saverio finiscono per conoscere nientemeno che Leonardo Da Vinci. L’incontro con il maestro del Rinascimento, considerato uno dei più grandi geni dell’umanità, avviene in una sorta di oasi che altro non è che il Lago del Pellicone.

Il piccolo specchio d’acqua si trova nel cuore della maremma laziale e fa parte del Parco naturalistico archeologico di Vulci. L’area protetta custodisce uno scavo con preziose testimonianze di epoca etrusca e romana, oltre che il Castello della Badia e il suo famoso “ponte del diavolo”. 

Il parco si sviluppa lungo il corso del fiume Fiora, che si getta nel Lago del Pellicone prima di riprendere la sua marcia verso il Mar Tirreno. Il risultato è una piccola cascata che contribuisce a rendere ancora più suggestivo il paesaggio dove si apre l’invaso dall’acqua color verde smeraldo. 

Il Lago del Pellicone è circondato da un anfiteatro di scoscese pareti di roccia di origine vulcanica e lambisce una piccola spiaggia di sabbia che scompare durante i periodi di piena. Per la sua bellezza antica e selvaggia ha fatto da sfondo a più di un film e compare anche in Tre uomini e una gamba con Aldo, Giovanni e Giacomo.

6. Castello Caetani (Latina)

Nella versione estesa di Non ci resta che piangere, Mario e Saverio sono obbligati dall’amazzone Astriaha a seguirla dal padre. Nel film i due protagonisti sono in Spagna, ma nella realtà la lunga scena si svolge in gran parte al Castello Caetani di Sermoneta. Secondo la ricostruzione del sito di cinema Il Davinotti, in una delle “Camere pinte” e nelle scuderie.

L’antico maniero è stato costruito all’inizio del XIII secolo dagli Annibaldi. È passato nelle mani dei Caetani alla fine del secolo ed è sempre rimasto di loro proprietà, a parte una breve parentesi sotto la reggenza dei Borgia.

Il castello domina il borgo medievale di Sermoneta e la parte più antica è costituita dalla torre del Maschio, da una seconda più piccola detta “Maschietto” e da quello che resta delle fondamenta di un palazzo al cui posto è stata edificata la “Sala dei Baroni”. L’edificio è stato ampliato e rimaneggiato fino al XVI secolo e l’aspetto attuale è sostanzialmente quello che aveva all’epoca.

All’interno della rocca si trova anche un giardino in stile anglosassone, realizzato alla fine del 1800 dalla moglie di Onorato Caetani, Ada Bootle Wilbraham. Il “Giardino di Ninfa” comprende ciliegi e meli ornamentali, magnolie, aceri giapponesi e numerose altre piante ed è stato curato dalla famiglia fino alla creazione della Fondazione Roffredo Caetani nel 1972. 

Tutto il complesso è aperto al pubblico e può essere visitato previo l’acquisto del biglietto di ingresso e la relativa prenotazione. 

7. Cala di Forno (Grosseto)

Si legge Palos, si scrive Cala di Forno. In Non ci resta che piangere la spiaggia toscana diventa la località spagnola da dove Cristoforo Colombo parte alla volta dell’America prima che Mario e Saverio riescano a fermarlo.

Il piccolo gioiello naturalistico all’interno del Parco della Maremma è un luogo selvaggio e non è raro vedere camminare sull’arenile daini e volpi. Per preservare il prezioso e fragile ecosistema della baia, i sentieri che dal promontorio conducono a Cala di Forno vengono solitamente chiusi nei mesi estivi. L’accesso viene limitato anche dal mare con il posizionamento di apposite boe che segnalano il limite di avvicinamento.

Cala di Forno si trova su litorale toscano nella provincia di Grosseto e si affaccia sul Mar Tirreno tra le propaggini costiere dei Monti dell’Uccellina.

Dove dormire in Italia

Villa Porto Pollo
186 € per notte
Villa ∙ 6 ospiti ∙ 2 camere da letto
Porto Pollo, Palau, Italia
Dettagli
Azzurra Immobiliare Srl
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Appartamento Cala Liberotto
215 € per notte
Appartamento ∙ 4 ospiti ∙ 2 camere da letto
Cala Liberotto, Orosei, Italia
Dettagli
Affitta Sardegna Soc. Coop.
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Appartamento Lerici
59 € per notte
Appartamento ∙ 4 ospiti ∙ 1 camera da letto
4.8
«Eccellente» (20 recensioni)
Lerici, Provincia della Spezia, Italia
Dettagli
Andrea
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Villa Gallipoli
42 € per notte
Villa ∙ 6 ospiti ∙ 1 camera da letto
4.3
«Molto buono» (19 recensioni)
Gallipoli, Provincia di Lecce, Italia
Dettagli
Giusi
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Chalet Monti
86 € per notte
Chalet ∙ 4 ospiti ∙ 2 camere da letto
4.8
«Eccellente» (19 recensioni)
Monti, Mezzenile, Italia
Dettagli
Lucia
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Appartamento Donnalucata
65 € per notte
Appartamento ∙ 5 ospiti ∙ 2 camere da letto
5.0
«Eccellente» (10 recensioni)
Donnalucata, Scicli, Italia
Dettagli
Fabia Maria
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Villa Bibione
73 € per notte
Villa ∙ 7 ospiti ∙ 3 camere da letto
5.0
«Eccellente» (1 recensione)
Bibione, San Michele al Tagliamento, Italia
Dettagli
Agenzia Immobiliare Italia sas di Benedet Paola & C.
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Villa Bibione Pineda
58 € per notte
Villa ∙ 6 ospiti ∙ 3 camere da letto
Bibione Pineda, San Michele al Tagliamento, Italia
Dettagli
Agenzia Immobiliare Italia sas di Benedet Paola & C.
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Appartamento Zinnibiri Mannu
30 € per notte
Appartamento ∙ 5 ospiti ∙ 2 camere da letto
4.5
«Ottimo» (9 recensioni)
Zinnibiri Mannu, Tertenia, Italia
Dettagli
Cristian
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Appartamento Marcelli
36 € per notte
Appartamento ∙ 7 ospiti ∙ 2 camere da letto
Marcelli, Numana, Italia
Dettagli
Claudio
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Villa Fratte I
50 € per notte
Villa ∙ 6 ospiti ∙ 2 camere da letto
4.5
«Ottimo» (2 recensioni)
Fratte I, Isola di capo Rizzuto, Italia
Dettagli
Antonino
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Appartamento Posto Rosso
40 € per notte
Appartamento ∙ 5 ospiti ∙ 3 camere da letto
4.9
«Eccellente» (7 recensioni)
Posto Rosso, Alliste, Italia
Dettagli
Simone
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Appartamento Trappeto
36 € per notte
Appartamento ∙ 6 ospiti ∙ 3 camere da letto
4.0
«Molto buono» (1 recensione)
Trappeto, Provincia di Palermo, Italia
Dettagli
Salvatore
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Appartamento Otranto
27 € per notte
Appartamento ∙ 4 ospiti ∙ 2 camere da letto
4.7
«Ottimo» (13 recensioni)
Otranto, Provincia di Lecce, Italia
Dettagli
MARCELLO
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Villa Bibione Pineda
70 € per notte
Villa ∙ 6 ospiti ∙ 2 camere da letto
4.0
«Molto buono» (1 recensione)
Bibione Pineda, San Michele al Tagliamento, Italia
Dettagli
Agenzia Immobiliare Italia sas di Benedet Paola & C.
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Appartamento Senigallia
70 € per notte
Appartamento ∙ 4 ospiti ∙ 2 camere da letto
Senigallia, Provincia di Ancona, Italia
Dettagli
Fued la tua casa in vacanza
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Villa Bibione
55 € per notte
Villa ∙ 6 ospiti ∙ 2 camere da letto
Bibione, San Michele al Tagliamento, Italia
Dettagli
Agenzia Immobiliare Italia sas di Benedet Paola & C.
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Appartamento Caviola
45 € per notte
Appartamento ∙ 4 ospiti ∙ 1 camera da letto
5.0
«Eccellente» (4 recensioni)
Caviola, Falcade, Italia
Dettagli
Marco
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Appartamento Cecina
55 € per notte
Appartamento ∙ 5 ospiti ∙ 2 camere da letto
5.0
«Eccellente» (2 recensioni)
Cecina, Provincia di Livorno, Italia
Dettagli
Casa Vacanze Via Gorizia 8
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Villa Torre Delle Stelle (Maracalagonis)
83 € per notte
Villa ∙ 6 ospiti ∙ 3 camere da letto
Torre Delle Stelle (Maracalagonis), Maracalagonis, Italia
Dettagli
Massimiliano
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
Appartamento Leuca
44 € per notte
Appartamento ∙ 4 ospiti ∙ 1 camera da letto
Leuca, Castrignano del capo, Italia
Dettagli
Salentoltremare
VAI ALL’OFFERTA
VAI ALL’OFFERTA
image-tag