Soggiorni Indimenticabili A Contatto Con La Natura A Casa Vacanza Villa Luce

Gualdo Tadino

 -  Centro a 7.0 km VILLA

Verifica Prezzo e Disponibilità


Pagamento con Visa, MasterCard o PostePay

Prenota Sicuro con la Garanzia Antitruffa

Attendere...
9 persone hanno visto questo annuncio nell'ultima settimana. Prenota Ora!
Valeria M.

Valeria M.

Iscritto da:
Febbraio 2015
  • Lingue:
  Prenotando online su CaseVacanza.it sei al sicuro!
  • Come funziona la prenotazione online?

    Con la prenotazione online si può prenotare un alloggio, effettuando con carta di credito il pagamento dell'anticipo direttamente sul sito. Questo pagamento è sicuro e coperto da Garanzia Antifrode.

  • Cos’è la Garanzia Antifrode?

    L'importo che hai pagato online, in fase di prenotazione, è al sicuro. Solo in seguito al tuo check-in i soldi verranno versati al proprietario. Quindi, in caso di frode e/o annullamento entro i termini, la somma ti verrà restituita.

  • Come prenoto in totale sicurezza?

    Per essere garantito devi effettuare il pagamento direttamente sul nostro sito, tramite la nostra piattaforma di prenotazione. Non possiamo proteggere pagamenti effettuati offline, al di fuori dei nostri sistemi.

  • Se non posso entrare nell’alloggio?

    Dovrai contattarci entro le 24 ore successive alla data del check-in indicata nella conferma di prenotazione. In caso di alloggio non esistente o non accessibile, ti verranno restituiti i soldi anticipati online.

Se il proprietario ti invita a fare il pagamento fuori dalla piattaforma,
prima della conferma della prenotazione, segnalacelo.
Per dubbi o domande puoi scriverci a info@casevacanza.it o chiamaci al (+39)02/37058201
  • Riferimento
    1691615
  • Tipologia
    Villa
  • Superficie (m²)
    70

  • Occupanti
    2
  • Extra
    2
  • Letti Doppi
    2
  • Camere letto
    1
  • Locali
    3
  • Bagni
    1
Dettagli

Servizi
  • Aria Condizionata
  • Camino
  • Cucina
  • Giardino
  • Internet
  • Parcheggio
  • TV

Caratteristiche
  • Adatto ad anziani
  • Animali Ammessi
  • Per famiglie e bambini

Attività
  • Pesca
  • Trekking
VISUALIZZA LUOGHI DI INTERESSE
Descrizione

Porzione di casale di recente costruzione ottimamente coibentato realizzato in pietra faccia vista con finiture di alta qualità, per chi ama l'eleganza e la ricercatezza, arredato con mobili antichi e stile shabby
L ‘ Immobile tutto con pavimento in parquet, è composto da: ampio soggiorno con stufa in ghisa, cucina abitabile completa, camera da letto matrimoniale e bagno con vasca-doccia.
Possibilità di 4 posti letto con tutti i confort tra cui il riscaldamento autonomo a pavimento.
Bella visuale della vallata adiacente.
All'esterno ampio giardino, con possibilità, nella stagione estiva, di usufruire dell’orto di proprietà



Posizione altamente strategica per visitare alcune tra le località più belle dell’Umbria come Gubbio Spoleto, Assisi, Gualdo Tadino con la fonte Acqua Rocchetta la splendida Valsorda, la Città delle Acque Nocera Umbra con le sue 52 sorgenti di acqua minerale. Nei dintorni splendide passeggiate nei Parchi naturali del Monte Subasio e Monte Cucco
Nelle immediate vicinanze, a soli 4 km, importante Centro Europeo di Benessere in cui si svolgono corsi – di Yoga e meditazione durante tutto l’anno.
Servizi : è prevista la fornitura di biancheria e confetture di marmellate biologiche fatte in casa gentilmente offerte per la prima colazione. Possibilità di avere consulti di astrologia psicologica



COME ARRIVARE
Da Milano Autostrada A1, Autostrada Adriatica A14 uscita Ancona Nord, S.S. 76 fino a Fossato di Vico e poi prendere la S.S. 3 Flaminia fino a Gualdo Tadino e da qui imboccare da Cerqueto la Strada SS 444 Assisana fino a Morano Osteria
Da Napoli: Autostrada A1, uscita Orte. S.S. 3 bis Nuova Flaminia fino a Gualdo Tadino uscita Le Busche-Voltole.
Da Est: Autostrada Adriatica A14 uscita Ancona Nord, S.S. 76 fino a Fossato di Vico e poi prendere la S.S. 3 Flaminia fino a Gualdo Tadino e da qui imboccare da Cerqueto la Strada SS 444 Assisana fino a Morano Osteria.
Da Ovest: Autostrada A1, uscita Valdichiana. Raccordo Autostradale Perugia-Bettolle fino a Perugia. Proseguire S.S. 75 fino a Foligno e poi prendere S.S. 3bis Nuova Flaminia fino a Gualdo Tadino uscita Le Busche-Voltole.



L'Umbria è una regione estremamente ricca di valori strorico-ambientali: la sua dimensione limitata ha fatto sì che in pochi chilometri quadrati vi si concentrasse una molteplicità di sedimentazioni e stratificazioni, sottolineate da notevoli e numerosi esempi di architettura ed arte, diffusi sul territorio, ma legati da percorsi e relazioni ben precisi. Poche regioni hanno infatti un così stretto rapporto tra insediamenti storici e paesaggio. Utilizzando pertanto viabilità minore e sentieri, a volte incrociandosi con la viabilità ordinaria, è possibile costruire itinerari turistici che permettono un approccio calato negli angoli più nascosti del territorio, al patrimonio ambientale, culturale e religioso dell'Umbria. Il nostro intento è quello di indicarvi alcune delle molteplici possibilità di escursioni o visite, che potrete fare in prossimità della nostra Casa Vacanza Villa Luce




Consigli e attività

Posizione altamente strategica per visitare alcune tra le località più belle dell’Umbria come Gubbio Spoleto, Assisi, Gualdo Tadino con la fonte Acqua Rocchetta la splendida Valsorda, la Città delle Acque Nocera Umbra con le sue 52 sorgenti di acqua minerale. Nei dintorni splendide passeggiate nei Parchi naturali del Monte Subasio e Monte Cucco
Nelle immediate vicinanze, a soli 4 km, importante Centro Europeo di Benessere in cui si svolgono corsi – di Yoga e meditazione durante tutto l’anno.
Dal 07 dicembre 2013 al 10 gennaio 2014 si accende a Gubbio l'albero di Natale più grande del mondo
La cerimonia ufficiale è organizzata per sabato 07 dicembre 2015 alle ore 18.00 e sarà Don Francesco Soddu, Direttore della CARITAS italiana, ad accendere l'Albero che rimarrà luminoso fino al 10 gennaio 2016 e si potrà ammirare tutti i giorni dal tramonto fino a tarda notte.
E' costituito da corpi luminosi di vari colori che realizzano un effetto cromatico assolutamente particolare ed unico nel suo genere. Oltre 250 luci delineano la sagoma dell'Albero alto circa 650 metri. La stella cometa installata nella sommità ha una superficie di circa 1.000 metri quadri.



Monumenti e luoghi d'interesse di Gualdo Tadino
La città trae naturali ricchezze ambientali soprattutto nella fascia montana con le suggestive località di Valsorda, San Guido e Rocchetta, le pinete e la straordinaria fioritura.
Rocca Flea (XII secolo), antica fortezza e notevole esempio di architettura militare medioevale. Museo civico e sede della Pinacoteca Comunale che conserva opere di Matteo da Gualdo, Avanzino Nucci, Sano di Pietro, Antonio da Fabriano, ecc.
Chiesa Monumentale di San Francesco (XIV secolo) con affreschi di Matteo da Gualdo ()
Museo Regionale dell'Emigrazione "Pietro Conti", centro di ricerca sull'emigrazione italiana
Casa Cajani Centro Culturale, che comprende una sezione del Museo della Ceramica e un giardino pensile con antichi percorsi vegetali
Basilica Cattedrale di San Benedetto (XIII secolo) con la fontana esterna (XVI secolo) attribuita a Sangallo il Vecchio
Palazzo del Podestà e Torre Civica (XII secolo)
Chiesa di Santa Chiara (XIII secolo)
Scavi archeologici della Tadinum romana
Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta in Pieve di Compresseto (XI secolo)



Storia
Città umbra, nota con il nome di Tarsina, venne assoggettata a Roma cambiando denominazione in Tadinum. I suoi abitanti, Tadinates, sono ricordati da Plinio il Vecchio nella sua Naturalis Historia. Municipio romano, ubicato vicino alla lunga catena degli Appennini Tadinati e attraversato dall'importante via Flaminia, a 117 miglia da Roma, divenne una città florida e con tessuto urbano di quasi 13 ettari di superficie, come dimostrano gli scavi archeologici che si sono aperti recentemente nel vocabolo Taino. I Goti di Alarico, oltre persone, dirigendosi verso Roma nel 409 d.C., saccheggiando e distruggendo quanto trovavano lungo la via Flaminia, gli inflissero il primo colpo. Nel IV secolo era già sede vescovile. Sono ricordati i vescovi Facondino (secolo IV), Gaudenzio (499) e Martino (591)



Il suo territorio fu teatro della famosa Battaglia di Tagina (552 d.C.), durante la quale il generale bizantino Narsete sconfisse l'esercito dei Goti, guidato dal re Badwila detto Totila che, ferito a morte sul campo di battaglia, morì poche ore dopo presso Capras (l'odierna Caprara) nel territorio di Tadinum. Il conflitto gotico-bizantino segnò la fine dei Goti in Italia. Qualche anno dopo, con l'arrivo dei Longobardi, il territorio tadinate entrò a far parte del Ducato di Spoleto e probabilmente fu sede dello sculdascio, che amministrava la giustizia e riscuoteva le tasse alle dipendenze del gastaldo che aveva sede in Nocera.



Poca popolazione rimase ancora nell'antica città in rovina, la maggior parte si ritirò sui colli circostanti. Distrutta definitivamente da Ottone III, imperatore del Sacro Romano Impero, nel 996, la città cambiò nome prendendo il longobardo Gualdo (luogo boscoso) e gli abitanti si rifugiarono in Val di Gorgo alle pendici del Serrasanta. Distrutta ancora da un violentissimo incendio, poiché le sue abitazioni erano quasi tutte in legno, venne ricostruita nel 1237 intorno all'abbazia di S. Benedetto con la bella pietra bianca della sua montagna, sull'attuale Colle Sant'Angelo (il santo dei Longobardi), dominato dalla Rocca Flea, dandosi libere istituzioni comunali sotto la protezione di Federico II, imperatore del Sacro Romano Impero, presente alla cerimonia di fondazione, e seguendo la sua politica ghibellina. Contesa tra Gubbio e Perugia, successivamente si sottomise malvolentieri a Perugia prima di essere consegnata allo Stato della Chiesa da Iacopo P. Canino (1458).



La città venne seriamente danneggiata da una forte scossa tellurica il 27 luglio 1751. Il sisma cancellò gran parte delle sue caratteristiche tardo-medioevali, pur restando in piedi alcuni bei palazzetti e belle chiese romaniche e gotiche, come Santa Maria di Tadino (ora detta Santa Chiara), San Benedetto (secolo XIII), San Francesco (secolo XIV). La città antica è stata da sempre saccheggiata dei suoi marmi, colonne, mosaici, portati soprattutto a Perugia. La Rocca Flea custodisce attualmente un bel museo ricco di dipinti e arredi, tra cui un famoso polittico del secolo XV di Nicolò detto l'Alunno e alcune tavole di Matteo da Gualdo, fine pittore locale della fine del Quattrocento.



Nel 1833 il papa Gregorio XVI conferì all'abitato il titolo di città con il nome di Gualdo (Waldum) Tadino (Tadinum) e nel 1860 venne annessa al Regno d'Italia.



La città è stata gravemente danneggiata dal terremoto del 26 settembre 1997.


Norme della casa

non sono ammessi animali di grossa taglia


Questa proprietà ancora non è stata valutata.
Puoi essere tu il primo a valutarla!
Registrati per telefonare al proprietario